Bubo's cake

" C'era una volta un astice, chiamato da tutti Bubo, che viveva in una grande vasca d'allevamento. 
Non stava male: amici e parenti tutti vicini, stretti stretti. Ogni tanto calava nella vasca una grande rete e qualche amico o qualche parente veniva portato via, ma Bubo era un'ottimista ed era convinto che andassero a stare meglio. Un giorno la rete prese anche lui, che si vide messo in una cassetta di ghiaccio e trasportato in un grande acquario all'interno di un edificio: tutte cose nuove per il nostro Bubo!
Entrato in acqua pensò: "Vedi che avevo ragione? Si sta più larghi, l'acqua è più limpida e posso anche vedere cosa succede fuori nel mondo!".
Dopo un po' si sentì chiamare: "Ehi tu: vai via da lì...vieni qui insieme a noi!".
Bubo girò i suoi occhietti e vide che in un angolo c'era un mucchio di astici ammassati uno sull'altro...si avvicinò e chiese:"Ma cosa fate così stretti?"
L'astice che aveva parlato rispose:"Ci nascondiamo! Gli anziani si mettono in cima al gruppo e noi più giovani ci mettiamo qui sotto. Devi stare attento: quando si avvicina l'uomo vestito di bianco e tenta di prenderti nasconditi!"
Bubo:"Perché?"
L'altro:"In realtà nessuno lo sa...ma sono, siamo tutti convinti che non si tratti di niente di buono..."
Bubo, che tanto per ricordarlo era un'ottimista, non credeva che potessero fargli qualcosa di male ma decise comunque di dar ascolto al consiglio e si nascose sotto il gruppo.
Dopo qualche giorno pensò che non valeva proprio la pena di vivere in quel modo, aveva deciso: meglio affrontare il proprio destino che restarsene lì nascosto e così si mise sopra a tutti gli altri.
Dopo pochi minuti il braccio dell'uomo vestito di bianco entrò nell'acqua e Bubo si ritrovò dentro un gran bustone di plastica nelle mani di un omone grande, grosso e barbuto...
Dopo un viaggetto in macchina, arrivarono a destinazione e tre piccoli bambini corsero incontro all'ormone:"Ciao papà!"
"Guardate cosa vi ho portato..."
L'omone prese la busta, l'aprì e finalmente Bubo si ritrovò a respirare e a vedere chiaramente chi aveva intorno...sei piccoli occhi lo guardavano, lo toccavano e gli facevano li solletico e Bubo si ritrovò a pensare:"Vedi che avevo ragione? Meglio di così: coccolato a amato da tre piccoli umani!"
Intanto l'ormone aveva preso una grande pentola, l'aveva riempita d'acqua e messa sul fuoco.
"No papà: ti prego, ti prego: non lo mettere nell'acqua, mettiamolo nell'acquario..."
Il papà: "Ogni volta la stessa storia: non l'ho comprato per l'acquario, l'ho comprato per me!"
Bubo si sentì preso da una grossa mano e trasportato verso l'acqua bollente e pensò:"Qui si mette male...devo fare assolutamente qualcosa!" e con tutto il poco fiato che aveva in gola urlò:"Aiutooooo!"
I bambini, che spesso e volentieri sentono meglio di noi adulti, si attaccarono alle gambe del padre: uno lo supplicava minacciando traumi che si sarebbe portato dietro tutta la vita, l'altro piangendo e chidendo la liberazione dell'amico Bubo, l'altra stesa a terra fingendo uno svenimento...l'omone mosso a compassione decise che per una volta poteva fare a meno del suo astice e così lo liberò nell'acquario. Bubo felice si ritrovò per la prima volta circondato da coralli e pesciolini di tutti i colori, con un'infinità di leccornie da mangiare, tanto spazio solo per lui e tre piccoli amici al di là del vetro!"

...cosa non si fa per un contest...che vergogna!!Baci C.


Ingredienti...oggi sono più "scrittrice" che cuoca e quindi mi sbrigo: sono due basi di pan di spagna da 20 cm farcite con crema pasticcera alternata a crema al cioccolato...vi dispiace se non posto gli ingredienti? Eventualmente li aggiungo domani! Per ora un abbraccio a tutti cri



Con questa ricetta spero di partecipare al contest di IlMondoDaScoprire





Commenti

  1. Che storia bellissima cara!! Mi è piaciuta tantissimo e sai perchè?? Forse riderai, ma sin da piccola ho un desiderio: non ho ancora un lavoro, purtroppo, nemmeno sto bene. Eppure il mio primo stipendio lo userò per prendere degli astici.. e liberarli in mare!! :) Ci tengo tantissimo! La tua torta è veramente bella, amica! Un capolavoro!! Un abbraccione!

    RispondiElimina
  2. Brava ad avere salvato quel povero astice da una triste e penosa fine...
    Bellissima storia!
    Un salutone Susy

    RispondiElimina
  3. che bello questo racconto, sono arrivata con il cuore in gola fino alla fine e per fortuna è finita bene
    la torta poi è troppo carina, bravissima
    baci

    RispondiElimina
  4. Ciao Cristiana, o ciao Valeria, dipende da chi legge il messaggio:-) ti rispondo qui alla tua domanda affatto banale. I biscottini in questione sono mooolto nordici, non mi stupirei di trovarli all'ikea.Sono buonissimi, dovresti provarli! bella la storiella di bubo!!

    RispondiElimina
  5. Che bella questa storia! :D Fortissima la torta, complimenti! :D Un bacio grande e buona giornata :**

    RispondiElimina
  6. Anche a me è piaciuta tanto questa storia, e poi la torta è bellissima!
    Da oggi mi unisco ai tuoi followers.
    Ciao
    alice

    RispondiElimina
  7. Che storia straordinaria e che meravigliosa torta....complimenti!
    Un bacio e buon we
    Paola

    RispondiElimina
  8. meno male che è finita bene!!!! brutta vita quella degli astici che vengono catturati! Meglio il tuo colorato e felice!!! In bocca al lupo per il contest, avrei voluto parteciparci anch'io ma non ho la tua fantasia!! Un bacione ed eccomi tra i tuoi followers! ciao marina

    RispondiElimina
  9. Ma lo sai che sei proprio brava? I tuoi figli ne avranno giovato di sicuro di tutta questa fantasia! Ti immagino a raccontare storielle della buona notte...lo facevo anch'io quando i miei figli erano bimbi. Bei tempi! Fortissima anche la torta! Ciao
    lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...peccato la stanchezza...fino al secondo figlio ho dato tutta me stessa, con la terza ho mollato!! grazie un bacio cri

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari