giovedì 7 febbraio 2013

Vellutata di cannellini con nuvola di trippa

Per la gioia del mio ristretto pubblico si ritorna al quinto quarto! Questa volta:trippa!!
Ho iniziato questo blog per trovare una motivazione che vada oltre lo sfamare il mio branco; cucinare ogni giorno per lo stesso pubblico può rischiare di diventar ripetitivo, con il blog ho ritrovato la voglia di provare cose nuove e mettermi alla prova...
Col quinto quarto bisogna andar di fantasia per forza: spunti in giro ben pochi, sempre le stesse ricette, sapori nuovi e spesso non amati...più divertimento di così! 
Notte C.


Questi gli ingredienti:

250g cannellini secchi
2 scalogni
200g trippa
prezzemolo
paprika dolce
olio, sale

Mettere la trippa in acqua fredda, far prendere il bollore e lasciare sul fuoco per circa 30 minuti. Scolare e lasciar raffreddare.
Lasciare in ammollo i cannellini per una notte. Trascorso questo tempo, scolarli e trasferirli in una casseruola. Coprirli con abbondante acqua e cuocere per circa 2 ore (o almeno fino a quando saranno morbidi).
Spegnere il fuoco e frullare i fagioli con tanta acqua di cottura quanta ne sarà necessaria per ottenere una vellutata ben cremosa.
In una padella a bordi alti far rosolare lo scalogno tagliato a metà in 3 cucchiai d'olio per 3-4 minuti. Togliere lo scalogno ed aggiungervi il composto di cannellini. Aggiustare di sale e lasciar per qualche minuto sul fuoco.
Preparare una padella con dell'olio per friggere, portare a temperatura.
Tagliare la trippa in striscioline sottili, passarle nella farina, scuoterla al setaccio per eliminare la farina in eccesso e friggere per 4 minuti circa. Deve diventare croccante.
Versare la vellutata in delle scodelle, aggiungervi del prezzemolo tritato ed una spolverata di paprika. Concludere con i "coriandoli" (visto il periodo) di trippa.


Con il barba trucco della frittura, la trippa è stata mangiata anche dalla gnoma più esigente...



Con questa ricetta spero di partecipare al contest di Cristina e di Sabrina...



24 commenti:

  1. Giuro è la prima volta in vita mia che vedo una nuvola di trippa!!!!;)))
    Sostanziosa, un piatto molto figo che saprei già dove collocare!!!

    Sempre più tosta....un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabiana! tu fai delle vere magie...cosa aspetti a partecipare al nostro contest? TI VOGLIAMOOOOOOOO :-))

      Elimina
    2. concordo e mi unisco all'urlo di desiderio!!!

      Elimina
    3. mi unisco anch'io...una bella milza su letto di clorofilla...

      Elimina
  2. Grazie Cri! Non deludi le aspettative! Piatto sfizioso e intelligente. Brava e basta!

    RispondiElimina
  3. Ahah! Ma sai che ogni volta che divento matta che mio padre parla di trippa.. continua a dirmi: 'ma non sai che ti perdi?' beh, questo di certo non se lo perderebbe lui.. e già che ci sono, solo perchè lo hai cucinato tu lo assaggerei anche io! <3 Tvb!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per l'originalità!!!!
    Mi piace un sacco la trippa ma non ho mai pensato di friggerla....grande!!!

    Un abbraccio
    Monica

    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  5. Sono rimasta sbalordita, giuro che la trippa così non l'avevo mai vista ma ti giuro anche che la provo perchè la trovo meravigliosa!!!!! Vaci

    RispondiElimina
  6. Beh... beh... Cri, chapeau! :D Piatto magnifico, raffinato, originale e invitante! Bravissima <3 Un bacio grande, buona giornata :**

    RispondiElimina
  7. Sono ammiratissima! Idea geniale!

    RispondiElimina
  8. mi piace da morire. deve essere sfiziosissima. grande. e grazie grazie grazie.

    RispondiElimina
  9. Admirável, Cristiana Valéria.

    Primeiro, venho te contar da felicidade, em ter comentado em meu blogue. Você, é luz.
    Depois, aproveito e, quero te desejar muitas alegrias. Aqui no Brazil, entramos no período do Carnaval. Tudo, é festa, emais festas. Folia, e folias.
    Muita paz, para você.
    Estou grato.
    Um abraço, do Brazil.

    RispondiElimina
  10. Che splendida preparazione con la trippa, che delizia cara, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  11. il mio pc sgorilla!ti dicevo che questo è genio!una ricetta che adorerei! così rustica e raffinata al tempo stesso,grande Cri!;)

    RispondiElimina
  12. Beh, la nuvola di trippa mi ha lasciata a bocca aperta...ma che buona!!!
    Sei un genietto, mi piace tantissimo!!!
    In bocca al lupo per il contest e buon fine settimana! Baci, Roby :-DD

    RispondiElimina
  13. che bella idea la nuvola croccante di trippa.. davvero una delizia *_* e la crema di fagioli bè.. io la adoro, l'ho assaggiata da poco per la prima volta e la amo, davvero :) hai un blog favoloso, ti seguo! baci

    RispondiElimina
  14. La trippa la faccio sempre con la salsa di pomodoro, ma questa versione mi piace e salvo la ricetta. :)
    Rosalba

    RispondiElimina
  15. ma che bel blogghettino!!!!

    RispondiElimina
  16. Che bello imparare!!! Che bello condividere!!! A' la mode ... si è perfetto non è solo alla moda è molto di più!!! Vorrei provarla subito!!
    Grazie e un abbraccio Eleonora

    RispondiElimina
  17. posso mandarti mio marito? lui adorerebbe questo tuo piatto e ti darebbe un sacco di soddisfazione! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....cavolo, in effetti ho capito che per conquistare un uomo meglio andare sul quinto quarto che sul dolce! Cri

      Elimina
  18. vittoria!!!!!!! gra<ie cris, sei stata portentosa!

    RispondiElimina