lunedì 11 marzo 2013

Farinata di cavolo nero e...premi

Ringrazio Ilenia per avermi donato la ricetta...più che altro gliela ho estorta, ma mi attirava molto e avendola provata volevo condividerla soprattutto per il Vegetal Monday...i McCartney non è che mi stiano molto simpatici, ma la Capra si e trovo che il ridurre  (o meglio ancora eliminare) le proteine animali sarebbe buona cosa per tutti.
Non prendetemi in giro! Lo so che vi ho proposto frattaglie fino a ieri, ma vi assicuro che sono una vegetariana mancata...non voglio entrare nel particolare per non scatenare polemiche, ma quello che mi disturba di più è il modo in cui vengono allevati gli animali destinati al macello...non voglio dire che se vivessero liberi e felici sarebbe più giusto ucciderli, ma se vivessero liberi e felici e la sottoscritta fosse in groppa ad un cavallo con arco e frecce e andasse a procurarsi la cena non ci vedrei nulla di male...a livello di coscienza personale non vivo bene il delegare ad altri l'uccisione in modo tale da avere la sensazione di sentirmi meno in colpa, anche perché il pezzo di carne in se, distinto dall'animale intero è come se venisse spersonalizzato...sono riuscita a spiegarmi? 
Vado alla ricetta che è meglio...C.



Cosa serve:

600g cavolo nero
2 carote
2 coste di sedano (non lo avevo e quindi per me isba)
3 cucchiai di concentrato di pomodoro
olio
sale
pepe
1 chiodo di garofano
200-250 g di farina gialla (ho usato quella del Molino Bauco)

Fare un soffritto con gli odori tritati, aggiungere il chiodo di garofano.
Cuocere per circa 10 minuti.
Pulire il cavolo nero, privarlo delle coste più dure e tagliarlo a striscioline sottili. Metterlo insieme agli odori e al concentrato di pomodoro. Aggiustare di sale e pepe. Coprire con acqua e far cuocere a fuoco lento per circa un'ora.
Passato il tempo togliere il chiodo di garofano (non l'ho trovato: sarà finito nella pancia di qualcuno...) e aggiungere la farina di mais. Lasciar cuocere lentamente fino a cottura della farina (circa 35-40 minuti).
Servire calda con un filo d'olio.


Con questa ricetta partecipo alla raccolta de La cucina della capra


last but not least, con molto, molto ritardo ringrazio MartaLucia e Chiara che qualche giorno fa mi/ci hanno assegnato dei premi. Ho aspettato tanto perché non amo parlar di me...più che altro non ho il dono dell'eloquio, sono piuttosto "quella che ascolta", ho il ruolo di colei che le domande le fa, non le subisce....ho provato a delegare Vale, ma ha fatto orecchie da mercante (una rintuzzata ogni tanto gliela devo....manca la ricetta di Marzo e siamo all'11....) e, visto che non vorrei passare per quella che, come si dice a Roma, "se la tira",  sforzo le meningi e ci provo.


7 cose di me:

1. Curiosa...
2. ...sul muto andante...
3. ...finta socievole...
4. ...super ottimista...
5. ...volubile su tutto, tranne che sulle cose serie..
6. ...distratta...
7. sognatrice.
...seconda tappa..


1. Cucini più per dovere, più per passione o per lavoro? Siamo in cinque...quindi in cinque vanno sfamati, ma ci metto tutta la passione che posso.
2. Hai un lavoro che ti appaga o lo cambieresti? Il lavoro? Sto ricominciando da poco con qualcosa di completamente nuovo...ancora non posso rispondere!
3. Passeggi lungo la battigia di una spiaggia talmente bianca da accecare; semisepolta vi trovi la lampada di Aladino, la strofini e il genio si propone di esaudire un solo desiderio, quale? Continuare a vivere come vivo.
4. Qual è il tuo genere musicale preferito e il/la cantante o gruppo? Rock, blues...musica che ti da la carica. Il cantante preferito? Il grande Bruce!
5. Una caratteristica del tuo carattere che apprezzi. La curiosità.
6. Una caratteristica che vorresti poter cambiare. L'incostanza.
7. Stai camminando, inciampi in un sasso sporgente e cadi…dentro una favola. In quale favola e tu chi sei diventata…Pelle d'asino...la protagonista: non ho mai capito perché il padre la passi liscia: provvederei alla vendetta!
8. Una cosa “grande” che hai fatto per cambiare in meglio la tua vita. Avere il coraggio di fare una scelta...
9. Cosa continui a ripeterti “comincio da domani” e poi l’indomani non è mai quello buono?...scontata: leggere di più, studiare di più (tutto), mangiare di meno, fare più sport, andare a dormire prima..
10. Ti propongono una gita della durata di 3 mesi con la macchina del tempo; puoi solo andare da sola e  puoi scegliere l’epoca ma poi, una volta là, ti devi arrangiare e adattare per vivere. Accetteresti la sfida? In quale epoca andresti? Certo che accetterei...mi piacerebbe aver vissuto nel dopoguerra...
11. Preferisci mangiare i cibi dolci o quelli salati? Del salato non mi stanco mai.

Grazie a tutte e tre....i premi li mando virtualmente a tutti coloro che mettemmo passione nel proprio blog!

25 commenti:

  1. Pensa che da noi in Garfagnana la farinata si fa con il brodo di maiale! questa versione mi piace assai. Brava. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...ogni variante è ben accetta!! La ricetta L'ho presa da Ilenia...prima non la conoscevo...cri

      Elimina
  2. ciao Cristiana, ma sai che per me è una vera novità questa farinata?
    grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...fino a due giorni fa anche per me!!

      Elimina
  3. Che bello leggere di te :) Anche a me piaceva Pelle d'asino ma penso anche io che il padre avrebbe dovuto pagare ;) Questa farinata di cavolo nero mi attira tantissimo, tantopiù che non ho mai assaggiato il cavolo nero!! :) Grazie e un bacione grosso grosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo trovi provalo: a me piace mooolto! Grazie una bacio grande cri

      Elimina
  4. Grazie Cara di avermi citato....devo farti però una piccola correzione mi chiamo Ilenia non Ilaria ....purtroppo questo errore di nomi mi perseguita da quando sono nata.... :(( ....Cmq devo dire che la farinata ti è venuta prorpio bene.... fa gola pure a me!!! Ciao e buona serata

    RispondiElimina
  5. Brava Cristiana, le tue risposte mi sono piaciute un sacco. Trovo tu sia autentica! Grazie per esserti "esposta" così tanto...un abbraccio, lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermene dato l'opportunità....e poi potevo espormi molto di più!

      Elimina
  6. Ciao bimbe, da oggi ci sono anche io con i vostri fedelissimi :)

    RispondiElimina
  7. Che buono il cavolo nero!!! Questa farinata mi piace un sacco:)!!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  8. Ciao Cri :) Abbiamo diverse cose in comune, sai? :) Ho pensato spesso di diventare vegetariana ma non ce la faccio, non potrei mai farcela... con la testa trovo tutti i buoni motivi ma poi non resisto... che devo fà :( Invitante questa farinata, deve essere squisita! Un abbraccio forte, buona serata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...una rabbia: ci son riuscita per due anni e poi ho ceduto...chissà!! Un abbraccio grande cri

      Elimina
  9. ahahah il tuo post mi ha fatto sorridere Cri!anche io sono curiosa..non so se è una qualità o un difetto però;)e comunque questa zuppa è strainvitante..ma la farina gialla di mais in pratica è quella per polenta?voglio fare questa zuppetta.mi intriga da matti!ps:hai iniziato a dare un occhio alle ricette di Morena?bacio a presto

    RispondiElimina
  10. Ciao, arrivo a te dal 100% Vegetal Monday.
    Davvero interessante la tua farinata di cavolo nero!
    Buona serata

    RispondiElimina
  11. Ma che forte che sei Cri.... anche voi siete in 5? Casinò total anche a casa tua? Senti ti dico una cosa: già mi stavi simpatica prima e ti stimavo, ma risposta alla domanda n. 3 ti ha fatto acquistare ennemila punti allo stimometro!! Sei in gambissima, ti bascio!

    RispondiElimina
  12. Caspita ma tu ci puoi credere che il cavolo nero non l'ho mai mangiato?! Capista è proprio il momento di provare un nuovo alimento (dopo il topinbambur e le puntarelle....stendiamo un velo pietoso, hai ragione)
    La ricetta mi ispira moltissimo e quanto a ciò che hai constatato...concordo e mi piacerebbe poterne parlar meglio! Dopo di che io snon una carnivora, ma anche in un certo senso una vegetariana mancata (che confusione!)

    un bacione

    RispondiElimina
  13. La penso come te sulla carne e l'allevamento degli animali da macello.
    In questo periodo mangio meno carne e sto veramente rivalutando i legumi.
    Questa farinata mi ricorda un piatto che faceva mia nonna, ma la chiamava in un modo completamente diverso! Uno dei miei piatti preferiti, con l'aggiunta di un filo di olio nuovo: la fine del mondo
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
  14. sei proprio forte! :-)
    ma questa farinata fatta così che robina splendida è???

    RispondiElimina
  15. Sono stanchissima ma volevo passare da te per "gustare" la tua ricetta,ottima davvero complimenti
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata...spero ti sia riposata. un abbraccio cri

      Elimina
  16. Eccomi! :) Galline a rapporto!

    RispondiElimina